Carlo III, “è l’opera più piccola che abbia mai realizzato” | Sarà tenuta in mano da tutti

Il Regno è passato al figlio Carlo, che ha assunto il nome di Carlo III. E, quindi, i tempi cambiano. Come la prenderanno i sudditi?

Tempo di grandi cambiamenti nel Regno Unito, dopo la morte della Regina Elisabetta. Ora il popolo britannico dovrà abituarsi a questa novità. Una conseguenza della successione al trono del figlio Carlo.

Carlo III
Carlo III, sarà un’opera piccolissima | Web Source

Elisabetta II era nata a Londra il 21 aprile 1926. E’ morta nel Castello di Balmoral, l’8 settembre 2022. E’ stata regina del Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord e degli altri reami del Commonwealth dal 6 febbraio 1952 all’8 settembre 2022.

Figlia maggiore del Duca di York, che in seguito diventò re con il nome di Giorgio VI, e di sua moglie Elisabetta, prima Duchessa di York e poi regina consorte, diventò erede al trono nel 1936, anno dell’abdicazione di suo zio Edoardo VIII. Dopo aver servito nella Auxiliary Territorial Service durante la seconda guerra mondiale, nel 1947 sposò il principe Filippo Mountbatten dal quale ha avuto quattro figli: Carlo, principe di Galles e oggi suo successore, Anna, principessa reale, Andrea, duca di York, ed Edoardo, conte di Wessex.

Diventò regina alla morte del padre, il 6 febbraio 1952, quando aveva 25 anni, venendo poi incoronata il 2 giugno 1953 nell’Abbazia di Westminster. Durante il suo regno ha assistito a importanti cambiamenti tra i quali la devoluzione del potere nel Regno Unito, la vicenda del rimpatrio della costituzione canadese e la decolonizzazione in Africa con il rafforzamento del Commonwealth delle nazioni di cui è stata Capo. E, da ultima, la Brexit. Da quel 2 giugno del 1953, giorno dell’incoronazione, sono trascorsi settant’anni, sono cambiati quindici primi ministri, da Winston Churchill a Liz Truss, si sono succeduti sette papi, quattordici presidenti degli Stati Uniti, nove della Repubblica francese e dodici di quella italiana.

Ora il Regno è passato al figlio Carlo, che ha assunto il nome di Carlo III. Ed ecco, quindi, una grande novità in arrivo. Oddio, non grandissima…

Come si cambia

Figlio maggiore della regina Elisabetta II e del marito Filippo di Edimburgo, appartiene al casato Windsor, che ha mantenuto tale denominazione per decreto reale, anche dopo il matrimonio della madre. Ha avuto due matrimoni: con Diana Spencer (1981), dalla quale divorziò nel 1996, e con Camilla Shand (2005). Ha detenuto il titolo di Principe di Galles più a lungo, dal luglio 1958 fino all’ascesa al trono l’8 settembre 2022, alla morte della madre. È stato l’erede al trono britannico dal 6 febbraio 1952 all’8 settembre 2022, e questo fa di lui il più longevo erede al trono della storia delle isole britanniche.

L’ente responsabile del conio delle monete britanniche, la Royal Mint, ha svelato le future monete con il volto di re Carlo III, una da 5 sterline e l’altra da 50 pence, che saranno in circolazione tra pochi mesi, probabilmente da dicembre. Il volto del re apparirà sulle due monete, parte di una serie speciale che celebra la vita della regina Elisabetta II. Il ritratto ufficiale, del re, opera dello scultore Martin Jennings, è stato disegnato da una foto e approvato da Carlo. “E’ l’opera più piccola che abbia mai realizzato” ha detto l’artista.

Monete Carlo III
Carlo III, le prime monete dedicate a lui | Web Source

Secondo la tradizione, il ritratto del re guarda a sinistra, in direzione opposta alla regina Elisabetta II. Le monete con l’effigie del re porteranno l’iscrizione in latino: “CHARLES III. D. G. REX. F. D. 5 libbre. 2022″ o “Re Carlo III, per grazia di Dio, difensore della fede”– uno dei titoli del sovrano. Sull’altro lato della moneta commemorativa da 5 libbre saranno visibili due nuovi ritratti della Regina Elisabetta II, disegnati dall’artista John Bergdahl in collaborazione con la Royal Mint.