Se la Rete parla male di te | Arriva un mezzo potentissimo per difendersi

Da ora in poi sarà possibile utilizzare un potentissimo mezzo contro agli insulti e alle offese online. Con la nuova feature di Google sarà più facile capire quando qualcuno sta cercando di danneggiare la nostra immagine.

Le aziende dedicate alla realizzazione di servizi online e social network sono sempre più al centro del mirino per quanto riguarda due questioni fondamentali. La prima è la privacy degli utenti che ne fanno uso, spesso minata dalla volontà delle stesse aziende di raccogliere dati relativi agli users.

Google (fonte web) 22.09.2022-picenosera.net
Come difendersi se la Rete parla male di te (fonte web)

In secondo luogo, un argomento che si fa sempre più importante è quello dell’odio online. Cyberbullismo e revenge porn sono alcuni esempi. Internet, infatti, ha tanti pregi quanti difetti e la facilità con cui chiunque potrebbe nascondersi dietro a un account o una pagina web per danneggiare l’immagine di un’altra persona è un problema che non deve essere trascurato.

Le novità di Google

Negli scorsi mesi Google ha fatto degli importanti passi in avanti in merito alla protezione della privacy degli utenti. Big G si è impegnato per estendere la Privacy Sandbox sui dispositivi Android. Si tratta di una feature che ha lo scopo di rendere più sicura l’esperienza degli users trovando delle soluzioni alternative per la pubblicità.

Ciò significa che la condivisione dei dati degli utenti subirà delle limitazioni, in modo che non vengano consegnati a terze parti. Inoltre le informazioni potenzialmente sensibili verranno protette maggiormente, riducendo notevolmente la raccolta non richiesta di queste ultime.

“Results about you”, la nuova feature per scoprire se la Rete parla di noi

In queste ore dall’azienda è giunta un’altra importante notizia. Google sta lanciando una nuova feature chiamata “Results about you”. Come spiegato da Mishaal Rahman, la funzionalità ha lo scopo di aiutare gli utenti a far rimuovere i risultati di ricerca relativi alle loro informazioni personali – nome, cognome e data di nascita ma anche orientamento religioso e sessuale o fotografie e video che si vorrebbero far rimanere privati.

Il procedimento è semplice: gli utenti potranno accedere alla feature dalle impostazioni del proprio account Google. Selezionando la voce “Results about you” potranno vedere quali sono i contenuti che li riguardano e saranno guidati nella rimozione dei risulti indesiderati.

Google (fonte web) 22.09.2022-picenosera.net (1)
(fonte web)

La nuova feature di Google potrebbe essere utile per tantissime persone ma, per il momento, è ancora in fase di rollout e non sappiamo se resterà limitata ad alcuni paesi o se verrà resa disponibile in tutto il mondo.