Apple si ferma: adesso è “grossa crisi” | Gli appassionati della mela sono angosciati

Una brutta notizia per gli appassionati della mela: Apple è intenzionata a fermarsi. L’azienda – a causa di una preoccupante crisi – non aumenterà la sua produzione.

Fondata negli anni settanta dal celebre Steve Jobs – insieme all’informatico Steve Wozniak e l’ingegnere Ronald Wayne – Apple è una delle Big Tech più famose al mondo. A farle concorrenza ci sono solamente i colossi come Meta, Amazon, Google, Microsoft e IBM. La società, situata nella Silicon Valley, si occupa della produzione di computer, smatphone, dispositivi multimediali e software.

Apple
Apple il nuovo iphone14 non va: “grossa crisi” per la famosa azienda (fonte web)

Il successo per l’impresa è arrivato a partire dagli anni novanta, con la maggiore diffusione degli apparecchi elettronici nel mercato internazionale. Apple è riuscita a farsi strada senza lasciarsi intimorire dalla concorrenza dei rivali (tra cui spicca Microsoft) affermandosi come una delle aziende con più clienti al mondo.

Dietrofront per l’azienda

Apple ha una delle clientele più affezionate al mondo, grazie alla quale è diventata una delle aziende di maggior valore in assoluto. Il successo dell’azienda, negli ultimi tempi, si sta scontrando con una preoccupante crisi che sta danneggiando la sua produzione.

In queste ore Apple ha annunciato che la produzione di iPhone non verrà aumentata, andando a tradire le aspettative create negli scorsi mesi. La notizia è stata diffusa dal sito Bloomberg. Sebbene non sia ancora arrivata una conferma da parte dell’azienda, alcune fonti hanno rivelato che la Big Tech avrebbe chiesto ai suoi partner di tagliare le forniture di iPhone 14 e dei prodotti correlati di 6 milioni di unità nella seconda metà dell’anno corrente.

Apple sarebbe intenzionata a ridurre la produzione e fermarsi a 90 milioni di cellulari in modo da potersi concentrare sui modelli di iPhone 14 Pro che, rispetto alle versioni precedenti, costituiscono una maggiore fonte di rendita. I nuovi modelli, infatti, sono più richiesti e costosi.

Una crisi della domanda

L’azienda, inoltre, starebbe facendo i conti con un calo della domanda legato ad una crisi economica in Cina, il più grande cliente di smartphone al mondo. Gli acquisti di iPhone 14, nel paese, sono diminuiti dell’11% nei primi tre giorni in cui è stato reso disponibile rispetto agli altri modelli.

Apple, iPhone (fonte web) 29.09.2022-picenosera.net
(fonte web)

Il mercato occidentale, invece, è in difficoltà a causa della forte inflazione. La situazione è resa ancora più critica dalla guerra in Ucraina e il rischio di una recessione economica. Secondo le fonti quest’anno la produzione di Apple subirà una contrazione del 6,5% – equivalente a 1,27 miliardi di smartphone.