Una birra italiana che si “sgonfia” | Fermata la produzione, appassionati nel panico

Siete appassionati di questa birra? Abbiamo una brutta notizia per voi perché la produzione è stata fermata e quindi per molto tempo non potrete più acquistare questa birra italiana.

Se era la vostra preferita dovete farvene una ragione: questa birra italiana non verrà più prodotta.

Birra sgonfia
Una birra italiana si è “sgonfiata” | Web Source

Fermata la produzione a casa della mancanza di anidride carbonica, quella che permette alla birra di lievitare e avere le sue sembianze. La notizia riguarda una famosa birra italiana e getta nel panico i tantissimi tifosi del marchio che adorano questo prodotto e proprio non ne vorrebbero fare a meno. Il problema è abbastanza diffuso è sta creando situazioni davvero spiacevoli.

Stop alla produzione della birra italiana

Stiamo parlando della birra Menabrea, ovvero una birra italiana che trova favori ovunque per qualità e bontà. Per ben 24 ore la produzione delle bottigliette di birra è stata messa in stand-by. La carenza di CO2 è un problema dovuto all’aumento dei prezzi dell’energia e quindi alla difficoltà dei camion di effettuare i trasporti. Ne ha risentito infatti la produzione della Menabrea e questo affligge i consumatori. Le aziende come Menabrea utilizzano l’anidride carbonica per togliere l’ossigeno nelle bottiglie di birra e riempire i fusti che vengono poi condotti in bar e ristoranti. Non solo quindi la italiana, ma anche i produttori della belga Delirium Tremens hanno dovuto bloccare l’attività, come i danesi della Carlsberg che hanno chiuso le fabbriche in Polonia.

Un problema enorme per la produzione di birra: manca CO2

La carenza dell’anidride carbonica ha messo dunque a rischio la presenza di acqua frizzante, bevande gassate e birra nei supermercati italiani, nei locali. La crisi delle bollicine ha riguardato quindi anche la birra Menabrea causando lo stop temporaneo dello stabilimento di Biella. A La Repubblica dagli uffici hanno dichiarato che: “La carenza di anidride carbonica è un problema anche da noi. Oggi siamo fermi nello stabilimento di Biella, ma domani contiamo di potere ripartire”.

Birra
Fermata la produzione, appassionati nel panico| Foto instagram

A causa della mancanza di anidride carbonica non è solo la birra a rischiare, ma anche l’acqua frizzante che si teme possa sparire dagli scaffali dei supermercati. A inizio luglio, ad esempio, l’Acqua Sant”Anna ha interrotto la produzione di prodotti gassati propri per questo motivo. Anche la Coca-Cola si è trovata ad affrontare il problema e ha avviato l’autoproduzione di CO” nello stabilimento di Nogara. A rischio anche il caro spritz venendo a mancare la soda o il selz. I barman stanno optando per metodi alternativi per non rinunciare alla famosa bevanda simbolo dell’aperitivo italiano.