Smartphone: arriva il “buco” nello schermo |Tutti se lo chiedono, ecco a cosa serve

L’evoluzione estetica degli smartphone è sempre più al centro della ricerca sulla perfezione dei dispositivi mobile da parte dei colossi del settore. Il punch hole, ovvero il foro, non è altro che un escamotage per lasciare spazio alla fotocamera frontale, sfruttando tutto lo spezio dello schermo.

Lo schermo pieno, dunque, senza notch è l’obiettivo principe a cui puntato i produttori di smartphone. Lungo il percorso per arrivare al traguardo, non mancano al momento i cellulari con fotocamere pop-up, visibili solo all’occorrenza.

Huawey Samsung
Il foro sul display degli smartphone: vantaggi e svantaggi- web source

Di fatto lo step successivo al notch consiste in un foro sullo schermo per la telecamera frontale. Antesignana per la produzione di dispositivi con display punch hole, è stata Huawei, con il modello Nova 4. Era il 2018. Poi la sudcoreana Samsung con Galaxy A8s e Honor View 20.

Il “buco” nero sullo schermo frontale

I modelli più avanzati, come prima accennato, presentano un piccolo foro nero sulla parte superiore del display. Naturalmente il tondino è decentrato, posto quasi in corrispondenza dell’angolo in alto a sinistra. In merito Samsung ha voluto sottolineare che la tecnologia usata serve a migliorare la trasmissione della luce. Si tratta di un “processo a foro passante” (through-hole). La concorrenza di Huawei ha puntato invece su un metodo a “foro cieco” (blind hole) per il Nova 4 che per Honor V20. Entrambe le case usano per lo schermo display LCD. Il processo di foramento dello schermo si ottiene separando l’elaborazione di questo da quella del pannello di retroilluminazione. Quindi Samsung buca lo schermo attraverso la tecnologia a foro passante, mentre Huawei procede con il foto cieco. Ne consegue che la circonferenze del tondino in Samsung sia di 6,7 mm, e in Huawey di 4,5 mm. Secondo gli esperti la tecnologia usata dall’azienda cinese è più semplice ed economica, in quanto il foto praticato sullo schermo è solo sulla parte inferiore del pannello di retroilluminazione. D’altro canto si potrebbe obiettare che così facendo Samsung evita la perdita dli luce sullo schermo.

Vantaggi e svantaggi dei fori

Per quanto concerne i fori ciechi, questi rendono meglio esteticamente ma non sono privi di inconvenienti. Infatti potrebbero creare problemi a qualche fotocamera centrale, dal momento che fotocamera e pannello di vetro sono separati da uno strato di cristalli liquidi, determinando pertanto un condizionamento sulla qualità dell’immagine. Di fatto la soluzione di Huawey punta ad adattare la fotocamera allo schermo, lasciando la luce esterna entrare nel sensore per migliorare l’illuminazione.

Xiaomi Mi Mix 3
Xiaomi Mi Mix 3 – web source

Nel complesso il collocamento dei fori sullo schermo frontale offre vantaggi, ma anche svantaggi. Tra i vantaggi il foro migliora l’estetica rispetto al notch, occupando meno visuale. Quindi lo schermo è quasi totalmente full. Inoltre la soluzione dello schermo perforato supera anche quella della camera scorrevole utilizzata per esempio da Xiaomi Mi Mix 3. Tra gli svantaggi si avverte è la distrazione che genera il foro in caso di app a tutto schermo; ma anche il rischio di celare qualcosa di specifico all’interno dell’app. Ecco quali sono le case produttrici che hanno messo sul mercato dispositivi col foro sul display: LG, Motorola, Nokia, OnePlus, Oppo, Realme, Samsung, Vivo e Xiaomi.