Carlo III e il suo fantastico orologio | Niente banalità per il nuovo re

La ricchezza si sa può essere volgare. Esibire marchi che si possono comprare in qualsiasi negozio, o quasi non è cosa adatta ad un monarca che spesso è stato criticato, ma certamente non ha il difetto della banalità. Il suo ricercatissimo orologio lo dimostra.

Carlo III, l'orologio
Carlo III, tutti gli occhi sono sul suo orologio | Foto ansa

Dimenticate Rolex, Omega. Ma anche Piaget, Vacheron Constantin, IWC e tutto quanto non solo i collezionisti arricchiti ma persino gli appassionati di orologi più “puri” del mondo considerano la quintessenza della qualità e della raffinatezza. Quando si arriva a certi livelli, persino l’eccezionalità rischia di diventare banale.

Carlo d’Inghilterra, un appassionato del pezzo unico

Carlo ha avuto una lunga, lunghissima, defatigante marcia di avvicinamento al trono. Una strada forse stressante per lui e per tutti, ma che ha avuto quantomeno il pregio di farlo conoscere a tutti, con i suoi pregi e anche i suoi difetti. Ecologista, animalista, animo romantico, nemico della società massificata e della vita fatta in serie (lui se lo può permettere), ha fatto scelte assolutamente conseguenti anche per l’orologio che porta al polso. E se in altri campi la sua visione si può forse definire un po’ ingenua e fuori dal tempo, qui Carlo ha stupito tutti con una scelta che dimostra non solo consapevolezza ma anche gusto fermissimo. E naturalmente, nessun bisogno di cercare conferme nell’opinione degli altri.

Quando un uomo è re di Inghilterra, non è certo un problema suo se un eventuale interlocutore sprovveduto e parvenu non conosce la marca di orologio che porta al polso. Che vada a informarsi, di grazia!.

“Comprare una volta ma comprare bene”

Carlo è un’appassionato di questa filosofia di vita. Poche cose, ovviamente stupende, di qualità assoluta e fatte per durare. Nessuna concessione al brivido del momento, alla moda all’usa e getta. Nel 1996, durante una vacanza nel suo chalet svizzero, Carlo ebbe occasioni di conoscere Michael Parmigiani, creatore del marchio di alta orologeria svizzera Parmigiani Fleurier. Si innamorò della qualità e della ricerca estetica e artgianale del Cronographe Toric. Un orologio nato classico, con l’intenzione di sfidare mode e decenni. Da allora lo porta al polso, e sembra avere tutta l’intenzione di portarlo per sempre.

Il Parmigiani di Carlo III
Il Parmigiani Fleurier di Carlo III | Web Source

E’ abitudine diffusa nel ramo maschile famiglia reale quella di avere un solo tipo di orologio. William porta un Omega Seamaster, Harry più avventuroso di divide tra un Rolex Explorer II  e un Breitling Aerospace. Ben diversa era la regina Elisabetta II, che aveva una collezione invidiabile, meno vasta di quella dei cappellini, ma altrettanto iconica.